Bonifica amianto

INCENTIVI PER LA BONIFICA DELL'AMIANTO

INCENTIVI PER LA BONIFICA DELL’AMIANTO

La presenza di amianto nei tetti degli edifici è ancora particolarmente importante nelle costruzioni di vecchia data industriali, private e pubbliche. Questo materiale è risultato essere pericoloso per la salute dell’uomo e per tale motivo, in Italia, ne è stata vietata la produzione e la vendita dal 1992 (Legge 27 marzo 1992, n°257).

In particolare, negli ultimi anni, per incentivare le persone a rimuovere l’amianto dai propri edifici è stata introdotta la possibilità di beneficiare di alcune detrazione fiscali specifiche.

 

LE DETRAZIONI FISCALI PER LO SMALTIMENTO DELL’AMIANTO

Esistono degli strumenti agevolativi che incentivano la rimozione dell’amianto dai propri immobili e, nello specifico:

  1. Bando INAIL 2020/2021 (in scadenza il 26 febbraio 2021): permette alle aziende di ottenere un contributo del 65% dell’importo per una spesa compresa tra i 5.000,00 e 130.000,00 euro. Il limite minimo di spesa non è però previsto per le imprese fino a 50 dipendenti che presentino progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (Clicca qui per leggere il bando);
  2. ECOBONUS 65%SUPERBONUS 110%: nel caso in cui si decida di rimuovere l’amianto con successiva installazione di una nuova copertura (quest’ultima deve corrispondere ad un impianto fotovoltaico). La detrazione sarà validata solo nel caso in cui vengano soddisfatti tutti i requisiti richiesti.

 

LA PROPOSTA DI SMART FUTURE

Offriamo ai nostri clienti l’opportunità di realizzare un intervento chiavi in mano di bonifica dell’amianto abbinato all’installazione di un impianto fotovoltaico individuando l’agevolazione fiscale su misura per il cliente, supportandolo quindi in tutte le fasi previste. Un unico interlocutore a cui rivolgersi per eliminare un problema ed ottenere un beneficio.

Per maggiori informazioni è possibile contattarci al numero 0444 1241095 oppure mandare una mail info@smartfuture.eu.

Vuoi conoscere la storia della nostra azienda? Clicca qui


Scadenza dichiarazioni

Scadenza dichiarazioni di consumo energia elettrica

Smart Future informa tutte le aziende che sono in possesso di una licenza d’officina elettrica rilasciata dall’Agenzia delle Dogane che la scadenza per la compilazione e l’invio delle dichiarazioni di consumo dell’energia elettrica relative all’anno 2020 è fissata al 31 marzo 2021.

I soggetti interessati sono:

      • coloro che versano le accise direttamente all’agenzia delle dogane
      • i titolari di impianti fotovoltaici con potenza maggiore di 20 kW, in regime di Scambio sul Posto o Cessione Parziale, che utilizzano l’energia prodotta in luoghi diversi dall’ abitazione
      • i titolari di impianti di produzione che cedono totalmente in rete l’energia elettrica prodotta

Da quest’anno però l’Agenzia delle dogane ha previsto nuove modalità per l’invio delle dichiarazioni. Sarà infatti necessario utilizzare la Nuova Piattaforma di Accoglienza usufruendo di uno dei due possibili canali : System to System (S2S) o User to System (U2S).

A differenza degli anni scorsi quindi non sarà necessario scaricare un software specifico per la compilazione delle dichiarazioni ma l’intera operazione potrà essere effettuata direttamente sul sito delle dogane.


Promozione impianto fotovoltaico

Promozione Fotovoltaico con cessione del credito

Smart Future propone per il mese di Gennaio una promozione speciale per l’installazione di un impianto fotovoltaico nella propria abitazione con la possibilità di usufruire della cessione del credito. Nello specifico sarà possibile scegliere tra due opzioni: Small e Medium.

        • Opzione Impianto Small: Fotovoltaico Smart 4,2 kWp chiavi in mano + accumulo da 10kWh.Prezzo 5.900 euro iva inclusa in 48 rate da 144 euro/mese**
        • Opzione Impianto Medium: Fotovoltaico Smart 6,0 kWp chiavi in mano + Accumulo da 15kWh.Prezzo 7.900 euro iva inclusa in 48 rate da 192 euro/mese**

 

Caratteristiche specifiche della promozione:

        • Moduli da 300Wp monocristallini
        • Garanzia 10 anni sul prodotto
        • Garanzia di rendimento dell’87% al 25°anno
        • Inverter con garanzia di 5 anni sul prodotto e 10 anni sulle performance

L’offerta prevede il servizio chiavi in mano comprensivo di fornitura, installazione, allaccio alla rete elettrica e collaudo impianto.

 

**Operazione soggetta a finanziamento per importo rate prestabilito e previa verifica da parte dell’istituto di credito. Prezzi validi fino al 31/01/2021. Dopo il 31/01/2021 i prezzi potranno essere soggetti a variazione per aggiornamento listini. I prezzi sono considerati per condizioni standard dell’immobile, ove si verificassero condizioni non standard verranno quotate le voci non comprese.

PER AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI COMPILA IL FORM OPPURE CONTATTACI AL NUMERO 0444 1241095


BANDO REGIONE VENETO PER LA RIMOZIONE DELL'AMIANTO

Bando Regione Veneto per la Rimozione e lo Smaltimento dell'Amianto

Bando Regione Veneto per la Rimozione e lo Smaltimento dell’Amianto

Alla Regione del Veneto sono stati assegnati 10.157.796,45 di euro per l’individuazione di interventi finalizzati alla rimozione e allo smaltimento dell’amianto da edifici scolastici, ospedalieri e altri edifici di proprietà pubblica. Nello specifico, il provvedimento è di competenza del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e fa parte dei programmi previsti dal “Piano Operativo Ambiente FSC 2014-2020”.

Con questo Bando la Regione del Veneto, nel suo ruolo di RUA, persegue l’obiettivo di individuare gli interventi da attuare fino al raggiungimento del plafond assegnato, attraverso gli Enti Pubblici che ne faranno richiesta e che assolveranno il ruolo di soggetti attuatori nonché Beneficiari ultimi del contributo.

 

BENEFICIARI

I soggetti beneficiari del contributo possono essere Enti pubblici proprietari di edifici scolastici, ospedalieri o di altri edifici pubblici in cui siano presenti dei manufatti contenenti amianto da rimuovere. Vengono incluse inoltre anche le strutture di rispettiva pertinenza alle attività svolte (ad esempio palestre, biblioteche, servizi…).

 

IMPORTO DEL CONTRIBUTO

L’entità del contributo massimo è del 100% del costo ammissibile e non vi sono limiti di importo. Sono ammesse inoltre anche le spese per il trasporto dei rifiuti presso gli impianti autorizzati.

 

SCADENZA DEL BANDO

Il termine ultimo per la presentazione delle domande relative al Bando Regione Veneto per la rimozione dell’amianto è il 31 Dicembre 2020.

 

Clicca questo LINK per saperne di più. Ti interessa avere maggiori informazioni? Manda una mail a info@smartfuture.eu oppure contattaci al numero 0444 1241095. 

 


Nuova posizione aperta

Nuova posizione aperta

Nuova posizione aperta: collaboratore ufficio tecnico o tecnico preventivista

Smart Future, Energy Service Company certificata UNI CEI 11352:2014 dal 2014, cerca un collaboratore per l’ufficio tecnico o un tecnico preventivista da inserire nel suo team, preferibilmente con 3-5 anni di esperienza. 

Il candidato sarà coinvolto nella progettazione di interventi per la riqualificazione edilizia ed energetica di immobili finalizzati all’ottenimento del superbonus 110%. La sede della nostra azienda è Vicenza, Viale dell’industria 37.

Aiutano a completare il profilo richiesto:

    • Responsabilità e affidabilità
    • Capacità di organizzazione tempi/risorse
    • Buone capacità comunicative
    • Capacità di lavorare in team

Per inviare la tua candidatura manda una mail a segreteria@smartufuture.eu con il tuo Curriculum Vitae allegato.

Entra a far parte del team Smart Future!

 


3-15 Novembre: ECOMONDO e KEY ENERGY

3-15 Novembre: ECOMONDO e KEY ENERGY

Dal 3 al 15 Novembre si terranno due eventi fondamentali per il settore dell’economia circolare e per quello dell’energia: Ecomondo e Key Energy. Quest’anno gli incontri avranno luogo interamente sulla piattaforma online e l’appuntamento durerà due settimane.

L’evento presenta un programma composto di molteplici conferenze, workshop e seminari con l’obiettivo di analizzare gli ultimi trend dei settori. Per questo motivo, noi di Smart Future abbiamo pensato di suggerirvene alcuni attinenti alla nostra area di interesse:

1. Certificati bianchi: strumenti e novità
Giorno e ora: 4 Novembre 2020, ore 9.30 – 13.00

I certificati bianchi hanno attraversato una fase complessa in questi ultimi anni, fra scarsità di offerta, prezzi alti di mercato e risparmi inferiori alle attese iniziali e agli obiettivi fissati al 2020. Nel 2019 verranno definiti i nuovi obiettivi e saranno introdotte delle modiche mirate a fare funzionare meglio lo schema. Il tradizionale appuntamento organizzato da FIRE in collaborazione con KeyEnergy illustrerà i risultati raggiunti e le novità, nell’ottica di favorire la partecipazione allo schema da parte degli operatori.

 

2. La Finanza per l’Efficienza Energetica: Superbonus 110% una nuova opportunità
Giorno e ora: 5 Novembre 2020, ore 9.30 – 13.00

L’evento si pone l’obiettivo di aggiornare gli operatori del settore, i professionisti, e le aziende sulle strategie di finanziamento necessarie per rilanciare gli investimenti volti all’ottimizzazione dei consumi e favorire lo sblocco del mercato dell’Efficienza Energetica.

 

3. Ricerca e innovazione per l’efficienza energetica: sfide e prospettive future
Giorno e ora: 6 Novembre 2020, ore 9.30 – 13.00

Focus principale saranno le 5 principali tecnologie per l’efficienza energetica che, nei prossimi anni, assumeranno un ruolo strategico per garantire il raggiungimento degli obiettivi identificati dalle politiche nazionali ed europee: Intelligenza artificiale e Big data, Recupero del calore, Sistemi di accumulo, Digitalizzazione e Nearly Zero Energy Building. Esperti provenienti dai diversi ambiti tracceranno gli scenari evolutivi delle diverse tecnologie mostrandone potenzialità e prospettive future per i diversi settori economici.


Superbonus 110% - interventi trainati

Superbonus 110% - Interventi trainati

SUPERBONUS 110% – INTERVENTI TRAINATI

Dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 tutte le spese di riqualificazione energetica che rispettino determinati requisiti possono accedere alla maxi detrazione del superbonus 110%. Nell’articolo precedente avevamo approfondito i tre interventi trainanti con i relativi massimali (cioè quelli che se effettuati individualmente permettono comunque di accedere alla detrazione/cessione del credito/sconto in fattura). In questo articolo tratteremo invece gli interventi trainati.

GLI INTERVENTI TRAINATI

Si definiscono trainati tutti gli interventi che accedono al superbonus 110% solo se essere effettuati congiuntamente ad uno degli interventi trainanti (isolamento termico o sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale) e se nel complesso concorrono a migliorare l’immobile di due classi energetiche.

Si possono distinguere tre tipologie di interventi trainati:

    • interventi di efficienza energetica (previsti dall’Ecobonus e Sismabonus)
    • installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo
    • infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici

INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA

Rientrano in questa categoria varie tipologie di interventi: elenchiamo di seguito i principali.

      • Interventi di riqualificazione energetica su edificio esistente
      • interventi su involucro di edifici esistenti (pareti, finestre, tetti e pavimenti)
      • installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda
      • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti di caldaie a condensazione ad aria o ad acqua
      • acquisto e posa in opera di schermature solari
      • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili
      • acquisto e posa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti
      • acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori.

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI E SISTEMI DI ACCUMULO

Se effettuata congiuntamente ad un intervento trainante anche l’installazione di impianti fotovoltaici può accedere al superbonus 110%. In questo caso la detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 48.000 euro e, comunque nel limite di spesa di 2.400 euro per ogni kW di potenza dell’impianto solare fotovoltaico, per singola unità immobiliare.

Per i sistemi di accumulo il massimale è fissato a 1.000 euro per ogni kWh di capacità di accumulo.

INFRASTRUTTURE DI RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI

Infine anche per l’installazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici la detrazione è elevata al 110% (se effettuata congiuntamente ad uno degli interventi trainanti). Essa è calcolata su un ammontare massimo delle spese pari a 3.000 euro.

 

Per maggiori informazioni vedi i seguenti link:

>> Decreto Asseverazioni

>> Decreto Requisiti

>> Decreto Rilancio

 

Smart Future e il suo team sono disponibili a seguire tutti i lavori di riqualificazione energetica in modalità chiavi in mano. Contattaci per avere una consulenza personalizzata.


Superbonus 110% - Gli interventi trainanti

Superbonus 110% – Gli interventi trainanti

Il superbonus 110% è un’agevolazione fiscale che permette di detrarre le spese relative ad interventi che migliorano l’efficienza energetica degli edifici esistenti o riducono il loro rischio sismico.

Nello specifico sono state individuate tre tipologie di interventi (definiti trainanti) che permettono di accedere alla detrazione anche se eseguiti individualmente. Esse sono:

      • isolamento termico;
      • sostituzione degli impianti;
      • interventi antisismici.

 

ISOLAMENTO TERMICO

Il primo intervento utile per il quale spetta l’agevolazione del superbonus 110% è l’isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali ed inclinate delimitanti il volume riscaldato.

È però necessario che vengano rispettati determinati requisiti:

      • l’intervento deve avere un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio;
      • devono essere rispettati i requisiti di trasmittanza “U” (potenza termica dispersa per metro quadrato di superficie e per grado Kelvin di differenza di temperatura);
      • i materiali isolanti devono rispettare i criteri ambientali minimi (decreto 11 ottobre 2017).

Per quanto riguarda i massimali invece essi sono così calcolati:

      • per gli edifici unifamiliari o unità immobiliari funzionalmente indipendenti all’interno di edifici unifamiliari l’ammontare complessivo delle spese detraibili è di 50.000 euro;
      • 40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio se esso è composto da due a otto unità immobiliari;
      • 30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio se esso è composto da più di otto unità immobiliari.

 

SOSTITUZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE SULLE PARTI COMUNI DEGLI EDIFICI

Si tratta del secondo intervento utile per poter accedere all’agevolazione fiscale. In particolare, la sostituzione deve avvenire con impianti centralizzati dotati di generatori di calore a condensazione, generatori a pompe di calore, apparecchi ibridi, sistemi di microcogenerazione o collettori solari.

Inoltre la detrazione è riservata anche allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito e per la sostituzione della canna fumaria collettiva esistente.

I massimali per sono stati fissati a:

      • 20.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici costituiti da un massimo di otto unità immobiliari;
      • 15.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

 

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE SUGLI EDIFICI UNIFAMILIARI O SULLE UNITÀ IMMOBILIARI DI EDIFICI PLURIFAMILIARI (funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi all’esterno)

In questo terzo caso gli interventi di sostituzione sono i medesimi del secondo intervento trainante (perciò impianti centralizzati dotati di generatori di calore a condensazione, generatori a pompe di calore, apparecchi ibridi, sistemi di microcogenerazione o collettori solari) con un’unica differenza relativamente alle aree non metanizzate: qui la sostituzione sarà possibile anche con caldaie a biomassa che abbiano prestazioni emissive con valori previsti almeno per la classe di qualità 5 stelle (decreto 7 novembre 2017, n.186).

Nel caso si acceda al superbonus grazie al terzo intervento trainante la detrazione è calcolata su una spesa complessiva di 30.000 euro per singola unità immobiliare. Anche in questo caso sono comprese nelle spese detraibili anche lo smaltimento e la bonifica dell’impianto sostituito.

 

INTERVENTI ANTISISMICI

La detrazione per gli interventi antisismici è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Essa comprende anche la realizzazione di sistemi di monitoraggio strutturale continuo se effettuata congiuntamente ad uno degli interventi precedentemente indicati.

 

Per avere maggiori informazioni relativamente ai decreti pubblicati:

>> Decreto Asseverazioni

>> Decreto Requisiti

>> Decreto Rilancio

Per qualunque richiesta relativa a questa opportunità è possibile compilare il form a questa pagina relativa al Superbonus 110%. Smart Future potrà fornirti tutte le indicazioni necessarie senza impegno.


Superbonus 110% - Soggetti ammessi

SUPERBONUS 110% – SOGGETTI AMMESSI 

Il superbonus 110% è un’agevolazione fiscale volta a favorire coloro che decidono di incrementare il rendimento energetico del proprio immobile esistente o che vogliono ridurre il rischio sismico dello stesso.

Nello specifico i soggetti ammessi al superbonus 110% sono:

        • condomìni;
        • persone fisiche;
        • Istituti Autonomi Case Popolari (IACP);
        • cooperative di abitazione a proprietà indivisa. La detrazione è possibile nel caso in cui vengano effettuati interventi su immobili dalle stesse posseduti e assegnate in godimento ai propri soci;
        • organizzazioni non lucrative di utilità sociale, organizzazione di volontariato iscritti ai registi (legge 266/1991), associazioni di promozione sociale iscritte nei registi nazionali, regionali e delle provincie autonome di Trento e Bolzano;
        • associazioni e società sportive dilettantistiche (iscritte al registro, legge 242/1999) limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

La detrazione è riservata ai soggetti che possiedono o detengono l’immobile nel quale saranno effettuati gli interventi. Il soggetto può essere perciò proprietario o titolare di altro diritto di utilizzo (usufrutto, uso, abitazione o superficie) oppure detentore dell’immobile in base ad un contratto di locazione (anche finanziaria) o di comodato (regolarmente registrato) che abbia ricevuto il consenso per eseguire i lavori da parte del proprietario stesso.

Il superbonus non spetta per interventi effettuati su unità immobiliari residenziali appartenenti alle categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli).

Per avere maggiori informazioni relativamente ai decreti pubblicati:

>> Decreto Asseverazioni

>> Decreto Requisiti

>> Decreto Rilancio

Per qualunque richiesta relativa a questa opportunità è possibile compilare il form a questa pagina relativa al Superbonus 110%. Smart Future potrà fornirti tutte le indicazioni necessarie senza impegno.


Superbonus 110% Vicenza

Superbonus Vicenza - Il metodo Smart Future

SUPERBONUS 110% – IL METODO SMART FUTURE

Smart Future è un’azienda specializzata nell’offrire soluzioni riguardanti l’efficientamento energetico sia in ambito residenziale che industriale. Con l’avvento del Superbonus in particolar modo è iniziato per la nostra Energy Service Company (E.S.CO.) un periodo intenso di richieste per valutazioni preliminari degli immobili non solo nel nostro territorio ma anche nel resto d’Italia.

Nello specifico, molti ci chiedono informazioni dettagliate sul funzionamento di questo incentivo e sulla possibilità di cogliere quest’opportunità per le loro abitazioni in modo da soddisfare i requisiti minimi richiesti dal decreto.

Per questo motivo abbiamo definito un nostro modus operandi in merito al superbonus che ci permette di garantire competenza e trasparenza nei confronti del cliente ed al contempo di fornire un servizio su misura per ogni specifico caso.

Il metodo Smart Future prevede:

        1. Valutazione preliminare dell’immobile e redazione dell’Attestato di Prestazione Energetica ante – intervento
        2. La progettazione generale completa di pratiche autorizzative ed asseverazioni
        3. La realizzazione vera e propria dell’intervento
        4. Gestione delle pratiche post intervento complete di Attestato di Prestazione Energetica post – intervento e comunicazione agli enti preposti (ENEA)

 

Dal nostro punto di vista è molto importante iniziare con un’analisi/diagnosi energetica del proprio immobile per non avere “sorprese” durante e dopo i lavori. Questo primo step ed i successivi devono essere seguiti con competenza e serietà perchè affrontarli con superficialità (dalla progettazione dell’intervento alla gestione degli aspetti fiscali legati alla detraibilità degli interventi), potrebbe portare a conseguenze spiacevoli nei confronti sia di chi dichiara ed assevera i lavori sia nei confronti del cliente finale.

Riqualificare il proprio immobile quindi, a nostro avviso, va fatto in modo serio e professionale.

 

Nel mese di luglio 2020 è stata pubblicata dall’Agenzia delle Entrate la guida definitiva su questo incentivo completa di tutti i dettagli e con casi pratici dimostrativi (vedi qui) e siamo ora in attesa della pubblicazione dei decreti attuativi.

Nel frattempo, se necessitate di maggiori informazioni potete compilare il form alla fine di questa pagina dedicata al Superbonus e Smart Future vi risponderà nel minor tempo possibile e senza impegno.